• RSS
  • youtube
Home  -  Società  -  Le Polaroid di Maurizio Galimberti

Le Polaroid di Maurizio Galimberti

Le Polaroid di Maurizio Galimberti Le Polaroid di Maurizio Galimberti
Maurizio Galimberti fotografa Sofia Coppola. Courtesy Getty Images

Tag:  Fotogallery fotografia Maurizio-Galimberti polaroid

di Marcello Mencarini

Se volete un ritratto fotografico firmato da Maurizio Galimberti dovete investire cinque minuti del vostro tempo per lo shooting, e 7.000 euro. Non vi costerà nulla se siete una star internazionale.

Come è accaduto quest'anno, durante la recente Mostra del Cinema di Venezia , a Nancy Brilli, Elle Fanning, Sofia Coppola , Cristiana Capotondi , Silvio Orlando, Julian Schnabel e Toni Servillo, che sono stati fotografati al Lancia Café dove Galimberti recitava la parte del protagonista

I suoi ritratti, da anni conosciuti in tutto il mondo - uno, Johnny Depp , nel 2003 finì sulla copertina del Times - sono collage formati da decine di Polaroid che riproducono un diverso particolare della stessa persona. Sembrano, forse banalizzando, una semplificazione dei mosaici che David Hockney già faceva nei primi anni '80.

Lo chiediamo all'autore con un po' di timore per la sua reazione. Maurizio non fa una piega. Chissà quante volte se lo sarà sentito dire... La sua risposta è interessante. Anche intellettuamente convincente.

Più che di quelle di Hockney mi piacevano le immagini di Lucas Samaras , un grande fotografo sperimentatore del sistema Polaroid. Io cercai subito di allontanarmi dalla poetica di Hockney. Non volevo diventare un suo clone. E comunque lui si ispirava a Braque mentre io, affascinato dal futurismo, ho subito amato Boccioni e Duchamp.

Da quanto tempo usi la Polaroid?

Dal 1983. Ero già appassionato di fotografia, ma sono cresciuto in orfanotrofio e odiavo il buio della camera oscura. O smettevo di fotografare o usavo la Polaroid. Decisi di non smettere. La scomposizione è iniziata alla fine degli anni '80.

Usi un modello particolare?

No, una Polaroid normalissima. Uguale a quelle che negli anni ‘80 venivano regalate per la Prima Comunione.

La Polaroid non produce più pellicole dal 2008...

Quando arrivò la notizia che Polaroid avrebbe chiuso comprai molte pellicole. Ormai sono scadute da più di un anno, ma continuo a usarle. La mia speranza è che Polaroid, che intanto si è alleata con la Fuji riesca a realizzare una pellicola di buona qualità.

E il progetto Mission Impossible che avrebbe dovuto far rinascere le pellicole Polaroid?

Hanno fatto il bianconero, l'ho provato ma è catastrofico, disastroso. Le immagini si sbiadiscono in pochissimo tempo.

Eri già ricco o lo sei diventato con questo lavoro?

Non so se sono ricco, non mi lamento, vivo bene. Forse lo sembro perché ho una Porsche. Le automobili sono una mia debolezza, ma costano meno di una moglie.

Le foto che fai dove finiscono?

Molte sono a casa dei collezionisti e poi ho un archivio - l'archivio Nordest - dove sono conservati tutti i miei lavori catalogati e numerati.

  • Vai a:
     
     
    ©RIPRODUZIONE RISERVATA
Commenti


Speciali

Video Hot